Duomo

Il Duomo vede l'inizio della sua ricostruzione nel XV secolo per volere del cardinale Ascanio Sforza; i migliori architetti del Rinascimento, come Bramante, Leonardo da Vinci, Amadeo e Francesco di Giorgio Martini lavorarono per la realizzazione dei progetti.
Costruito sul sito delle due chiese gemine di Santo Stefano e di Santa Maria del Popolo, il Duomo ha una pianta a croce greca imperfetta, poiché il braccio d'ingresso è più lungo degli altri, tre navate ai cui lati si possono ammirare le capelle ed una cupola centrale a pianta ottagonale le cui notevoli dimensioni la annoverano come terza più grande d'Italia.
Il Duomo può considerarsi come il monumento più importante costruito durante la Signoria degli Sforza; al suo interno si trovano il tabernacolo contenente le reliquie delle "Santissime Spine della Corona di Cristo" e la cripta ospitante le spoglie di San Siro, primo vescovo e patrono di Pavia.
Il cantiere della cattedrale, iniziato il 29 giugno 1488, proseguì lentamente fino al XX secolo; diverse sono state le fasi costruttive, dilungatesi per mancanza di fondi e problemi strutturali. Al fianco del Duomo svettava un tempo la Torre Civica, il cui crollo nel marzo 1989 influì molto sulla stabilità dell'edificio. I lavori per la messa in sicurezza della cattedrale si susseguirono fino al 14 ottobre 2012, data della riapertura al pubblico.
In piazza Duomo è possibile ammirare la statua equestre del Regisole, simbolo della città, dalla storia controversa. Le prime notizie risalgono all'XI secolo; numerosi tra studiosi, storici e scrittori accreditano Ravenna come luogo della sua provenienza, a seguito di una battaglia tra ravennati e pavesi, i quali sottrassero ai nemici il Regisole. Il 16 maggio 1796 la folla, inneggiante alla rivoluzione, chiese l'abbattimento dell'effigie imperiale che fu distrutta in mille pezzi. Nel 1935 l'allora direttore dei Musei civici commissionò a Francesco Messina l'attuale statua del Regisole per celebrare la ricorrenza dei duemila anni dalla fondazione dell'impero di Augusto.

 

Per ulteriori informazioni consulta il sito:
www.diocesi.pavia.it